SEI IN > VIVERE LUGO > ECONOMIA
articolo

Indino apprezza le parole di Corsini: "Grazie per la vicinanza agli operatori della #nightlife"

2' di lettura
163

Il presidente regionale Silb-Confcommercio Gianni Indino commenta le dichiarazioni dell'Assessore regionale Corsini apparse sulla sua pagina Facebook.

"Accogliamo con grande favore queste parole dell'Assessore Corsini che confermano la vicinanza sua e della nostra Regione alle imprese di intrattenimento in un momento nel quale le discoteche e la nightlife sono sprofondate nel dimenticatoio, nonostante stiano affrontando una situazione drammatica, prime aziende a chiudere e quasi sicuramente le ultime a riaprire in questa emergenza sanitaria. Un ringraziamento sentito quindi da parte di un settore che conta in Italia 3.000 imprese e 400.000 addetti, componente strutturale dell'offerta turistica della nostra regione che, tuttavia, non riuscirà a tenere se da parte delle istituzioni non verranno garantiti sostegni congrui e immediati".

Questo il post di Andrea Corsini: "Giustamente si leva alto il grido di allarme e di forte preoccupazione di tutte le imprese che ruotano attorno all’industria del Turismo e del Commercio. Anche il Governo, sotto la spinta dell’Emilia-Romagna e di altre virtuose Regioni ha compreso l’importanza di settori che valgono il 20% del PIL Nazionale e sta lavorando a misure forti di sostegno da introdurre nel prossimo Decreto. Noi saremo pronti a rimettere in moto il motore turistico e commerciale non appena il Governo, con protocolli di sicurezza adeguati, ci indicherà la data in cui le persone potranno muoversi e le imprese riaprire garantendo la tutela della salute pubblica.
C’è un comparto di cui si parla poco ma che ha segnato la nascita, l’affermazione e l’identità della nostra Costa Romagnola. Mi riferisco al variegato mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo . Non un vezzo, non un orpello, ma un settore che ha un peso economico rilevante , fatto di tanti imprenditori, di tante imprese, che offre ogni anno lavoro a migliaia di persone e che alimenta una filiera lunga di fornitori e sub-fornitori.
Oggi a loro va il mio pensiero. La cosiddetta “nightlife”, certo cambiata molto negli anni, ma sempre un pezzo fondamentale della nostra offerta turistica rivolta ai giovani, quindi al futuro.
Negli ultimi 5 anni abbiamo investito per sostenere questo settore e vogliamo continuare a farlo, non solo ora per evitare a tutti i costi che le aziende chiudano, ma anche domani quando anche grazie a loro, ripartiremo e torneremo più forti di prima. #EmiliaRomagna #Nightlife
"



Questo è un articolo pubblicato il 18-04-2020 alle 15:22 sul giornale del 20 aprile 2020 - 163 letture